RC Waves | Birø, che il viaggio abbia inizio
358
single,single-post,postid-358,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Birø, che il viaggio abbia inizio

DSC02827 copia

Birø, che il viaggio abbia inizio

 

Quando rincontrammo Birø sul nostro cammino era carnevale 2016. Noi di RC Waves lo conoscevamo molto bene già da anni, ma da qualche tempo avevamo perso le sue tracce. E’ sempre stato un tipo riservato, a volte anche troppo, ma nonostante ad alcuni di noi mancasse non gliene avremmo mai fatta una colpa. lo conosciamo bene: è fatto così, è tutto nella norma.

Eravamo ad una festa. Tra un cocktail e l’altro ci stavamo divertendo molto. Dopo una breve chiacchierata di riepilogo sulle nostre vite, decidemmo che sarebbe stato il caso di ribeccarci. Ma questa volta non dopo anni: la settimana successiva.
Tornando a casa ne parlammo e uno di noi disse: “Ragazzi, se Birø vuole rivederci vuol dire che bolle in pentola qualcosa”. Tutti sapevamo che aveva ragione. Birø è una di quelle persone incapaci di sedare le proprie emozioni, uno di quelli che se sta facendo qualcosa te ne vuole rendere partecipe, uno di quelli che se gli parte il coinvolgimento non lo fermi più. E non riesce a trattenersi. Sapevamo che se lo avevamo rincontrato alla festa c’era un motivo, sapevamo che non era per convenienza che voleva rivederci. Ma sapevamo anche che non era solo per divertimento: aveva qualcosa da farci ascoltare ne eravamo sicuri.
Lo avevamo chiamato qualche giorno dopo per invitarlo a cena da noi a Milano, lui aveva accettato. Si presentò da noi il giorno stabilito (in anticipo, come sempre).
Il patto tra di noi era fare finta di nulla, passare una serata come le altre e, se lui avesse affrontato il discorso musica saremmo stati pronti ad ascoltarlo, e se non avesse voluto non lo avremmo forzato.
Finita la cena si accese una sigaretta e disse: “Fra, nell’iPhone 6 c’è Garage Band, mi ci sono strippato e mi è ritornata voglia di fare musica. Ho fatto qualcosina, vi va di sentirla?”. Attaccò il telefono alle casse e iniziò a farci sentire quel “qualcosina” che aveva fatto. Eravamo tutti stupiti. Le canzoni erano stupende, ma soprattutto ci stavamo chiedendo come avesse fatto a fare tutto quello col cellulare! Lì per lì non ci sbilanciammo: dovevamo consultarci tutti insieme, ma nelle nostre teste era chiaro che Birø sarebbe stata la prima produzione 100% RC Waves. Lui aveva bisogno di tutto quello che noi sapevamo fare e noi avevamo bisogno di lui perché volevamo essere parte delle sue canzoni.

Una settimana dopo lo invitammo ancora e gli proponemmo di entrare in scuderia. Lui accettò perché sapeva che se c’erano delle persone che credevano in lui quelle eravamo noi.

E’ passato un anno da quel momento, abbiamo lavorato sodo e siamo pronti per mostrarvi il frutto di quell’incontro. Si, ma a modo nostro.

Viviamo in un mondo dove siamo ultra stimolati: spesso ascoltiamo canzoni nuove con così tanta facilità e rapidità che ce le scordiamo in pochissimo tempo, senza dar loro il valore che potrebbero meritarsi e privandoci del piacere che nasce da un vero ascolto. Dobbiamo provare a riconquistare il nostro tempo, dobbiamo provare a dare ancora una volta valore alla creatività. Per questo vi presenteremo una canzone alla volta, tassello per tassello.

Il 28.02.2017 sarà il giorno in cui sveleremo la prima canzone di Birø.

Rimanete connessi

_DSC3131 2

 

 

No Comments

Post A Comment